Quali sono i farmaci più efficaci per curare il cancro al seno?
AASraw produce polvere di cannabidiolo (CBD) e olio essenziale di canapa alla rinfusa!

neratinib

 

  1. Quanto sappiamo sul cancro al seno?
  2. Risultati clinici secondo l'approvazione della FDA
  3. Cos'è Neratinib?
  4. Chi potrebbe aver bisogno di Neratinib?
  5. Come sapere se Neratinib è giusto per te?
  6. Come funziona Neratinib?
  7. Come prendiamo Neratinib?
  8. Quali potrebbero essere gli effetti collaterali di Neratinib?
  9. Conclusione

 

Quanto ne sappiamo Cancro al seno

Il cancro al seno è il tipo più comune di cancro nelle donne, rappresentando il 15% di tutti i nuovi casi di cancro negli Stati Uniti. Nel 2017, si stima che siano stati diagnosticati 252,710 nuovi casi di cancro al seno e che più di 40,600 donne muoiano a causa della malattia. Il cancro al seno può anche, raramente, colpire gli uomini, con circa 2470 nuovi casi diagnosticati ogni anno.

Circa il 15%-20% dei tumori al seno sono HER2-positivi. I tumori al seno con alti livelli di HER2 hanno un aumentato rischio di metastasi, risposta al trattamento inadeguata e recidiva.

Lo sviluppo e la successiva approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense di trastuzumab (Herceptin), un antagonista del recettore HER2, ha cambiato il paradigma di trattamento per i pazienti con malattia HER2-positiva. Quando trastuzumab è stato aggiunto alla chemioterapia, i tassi di sopravvivenza globale per le donne con stadio iniziale Cancro al seno HER2-positivo migliorata fino al 37%. Tuttavia, circa il 26% dei pazienti ha una malattia ricorrente dopo il trattamento con trastuzumab.

Altre terapie che colpiscono il cancro al seno HER2-positivo includono pertuzumab (Perjeta), un anticorpo monoclonale; ado-trastuzumab emtansine (Kadcyla), un anticorpo monoclonale legato a un farmaco chemioterapico; e lapatinib (Tykerb), un inibitore della chinasi.

 

Risultati clinici Con l'approvazione della FDA

L'approvazione di Neratinib da parte della FDA si è basata sullo studio di Fase III ExteNET, uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su neratinib dopo il trattamento adiuvante con trastuzumab. Lo studio ha arruolato 2,840 donne con carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale ed entro due anni dal completamento del trastuzumab adiuvante. I soggetti sono stati randomizzati a ricevere neratinib (n=1420) o placebo (n=1420) per un anno. I risultati dello studio ExteNET hanno dimostrato che dopo due anni di follow-up, la sopravvivenza libera da malattia invasiva (iDFS) era del 94.2% nei soggetti trattati con neratinib rispetto al 91.9% in quelli trattati con placebo.

Neratinib è stato valutato anche nello studio di Fase III NALA, uno studio randomizzato controllato di neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo che hanno ricevuto due o più regimi precedenti a base di anti-HER2. Lo studio ha arruolato 621 pazienti che sono stati randomizzati (1:1) a ricevere neratinib 240 mg per via orale una volta al giorno nei giorni 1-21 in combinazione con capecitabina 750 mg/m2 somministrata per via orale due volte al giorno nei giorni 1-14 per ogni ciclo di 21 giorni ( n=307) o lapatinib 1250 mg per via orale una volta al giorno nei giorni 1-21 in associazione con capecitabina 1000 mg/m2 somministrato per via orale due volte al giorno nei giorni 1-14 per ogni ciclo di 21 giorni (n=314). I pazienti sono stati trattati fino alla progressione della malattia o fino a tossicità inaccettabile. Il trattamento con neratinib in combinazione con capecitabina ha determinato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al trattamento con lapatinib più capecitabina. Il tasso di PFS a 12 mesi è stato del 29% per i pazienti che hanno ricevuto neratinib più capecitabina rispetto al 15% per i pazienti che hanno ricevuto lapatinib più capecitabina; il tasso di PFS a 24 mesi era rispettivamente del 12% vs 3%. L'OS mediana è stata di 21 mesi per i pazienti che hanno ricevuto neratinib in combinazione con capecitabina rispetto ai 18.7 mesi per i pazienti che hanno ricevuto lapatinib in combinazione più capecitabina.

 

neratinib

 

Che Is Neratinib?

Neratinib (CAS: 698387-09-6) è un farmaco terapeutico mirato (biologico) che blocca la crescita e la diffusione del cancro al seno. Neratinib è il nome non commerciale del farmaco. Il suo marchio è Nerlynx.

 

Chi Might bisogno di neratinib?

Neratinib può essere offerto a persone che hanno un carcinoma mammario primario che è sia:

❶ Recettore ormonale positivo (cancro al seno stimolato a crescere dagli ormoni estrogeni o progesterone)

❷ HER2 positivo (tumore al seno che ha un livello di proteina HER2 superiore al normale)

 

Come sapere se Neratinib è giusto per te?

Esistono diversi test utilizzati per scoprire se il cancro al seno è HER2-positivo. Due dei test più comuni sono:

 

 IHC (ImmunoHistoChemistry)

Il test IHC utilizza un colorante chimico per colorare le proteine ​​HER2. L'IHC fornisce un punteggio da 0 a 3+ che misura la quantità di proteine ​​HER2 sulla superficie delle cellule in un campione di tessuto del cancro al seno. Se il punteggio è compreso tra 0 e 1+, è considerato HER2-negativo. Se il punteggio è 2+, è considerato limite. Un punteggio di 3+ ​​è considerato HER2-positivo.

Se i risultati del test IHC sono al limite, è probabile che venga eseguito un test FISH su un campione di tessuto canceroso per determinare se il cancro è HER2-positivo.

 

 FISH (ibridazione in situ a fluorescenza)

Il test FISH utilizza etichette speciali attaccate alle proteine ​​HER2. Le etichette speciali hanno sostanze chimiche aggiunte in modo che cambino colore e si illuminino al buio quando si attaccano alle proteine ​​HER2. Questo test è il più accurato, ma è più costoso e richiede più tempo per restituire i risultati. Questo è il motivo per cui un test IHC è solitamente il primo test eseguito per vedere se un cancro è HER2-positivo. Con il test FISH, ottieni un punteggio positivo o negativo (alcuni ospedali chiamano "zero" un risultato del test negativo).

 

Come funziona Neratinib?

I tumori al seno HER2-positivi producono troppa proteina HER2. La proteina HER2 si trova sulla superficie delle cellule tumorali e riceve segnali che dicono al cancro di crescere e diffondersi. Circa un tumore al seno su quattro è HER2-positivo. I tumori al seno HER2-positivi tendono ad essere più aggressivi e più difficili da trattare rispetto ai tumori al seno HER2-negativi. Neratinib è un inibitore irreversibile del pan-HER. Neratinib combatte il cancro al seno HER2-positivo bloccando la capacità delle cellule tumorali di ricevere segnali di crescita.

Neratinib è un terapia mirata, ma a differenza di Herceptin (nome chimico: trastuzumab), Kadcyla (nome chimico: T-DM1 o ado-trastuzumab emtansine) e Perjeta (nome chimico: pertuzumab), non è una terapia immunitaria mirata. Le terapie immunitarie mirate sono versioni di anticorpi naturali che funzionano come gli anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario. Neratinib è un composto chimico, non un anticorpo.

 

Come prendiamo Neratinib?

La dose raccomandata di neratinib è 240 mg (6 compresse), assunta per via orale una volta al giorno con il cibo e utilizzata ininterrottamente per 1 anno. Neratinib è disponibile in compresse da 40 mg.

Per la profilassi antidiarroica, la loperamide deve essere usata in concomitanza con la prima dose di neratinib e continuata durante i primi 2 cicli (ovvero 56 giorni) di trattamento, e poi secondo necessità. I pazienti devono essere istruiti a mantenere da 1 a 2 movimenti intestinali al giorno e devono essere istruiti su come utilizzare i regimi di trattamento antidiarroico.

Raccomandazioni specifiche per l'interruzione della dose e/o la riduzione della dose, basate sulla tollerabilità individuale del paziente, sono delineate nelle informazioni sulla prescrizione. Per i pazienti con insufficienza epatica grave, la dose iniziale di neratinib deve essere ridotta a 80 mg.

 

Notato: tutti i dati erano solo come riferimento, da Compresse di NERLYNX (neratinib) (PDF)

 

Quali potrebbero essere gli effetti collaterali di Neratinib? 

La diarrea grave subito dopo l'inizio di neratinib è un effetto indesiderato molto comune. Nello studio ExteNET, circa il 40% delle donne trattate con neratinib ha avuto una grave diarrea come effetto collaterale.

L'approvazione della FDA raccomanda che la loperamide (i marchi includono Imodium, Kaopectate 1-D e Pepto Diarrea Control) venga somministrata con neratinib per i primi 56 giorni di trattamento e quindi, se necessario, per aiutare a gestire la diarrea.

 

Altri effetti collaterali comuni di neratinib siamo:

▪ vomito

▪ nausea

▪ dolore addominale

▪ stanchezza

▪ eruzione cutanea

▪ ulcere della bocca

 

In rari casi, neratinib può causare gravi problemi al fegato. Informi immediatamente il medico se manifesta uno dei seguenti segni di problemi al fegato:

▪ ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi

▪ urine scure o marroni

▪ sentirsi molto stanco

▪ perdita di appetito

▪ dolore nella parte superiore destra dell'addome

▪ sanguinamento o formazione di lividi più facilmente del normale

AASraw è il produttore professionale di Neratinib.

Fare clic qui per informazioni sulla quotazione: Contatti noi

 

Conclusione

L'approvazione della FDA di neratinib, un inibitore orale della chinasi, ha segnato la disponibilità della prima opzione di trattamento adiuvante esteso per pazienti appropriati con mammella HER2-positiva in stadio iniziale cancro. Pazienti con HER2-positivo cancro al seno chi ha ricevuto neratinib per 1 anno ha ottenuto una sopravvivenza libera da malattia invasiva a 2 anni significativamente migliorata rispetto ai pazienti che hanno ricevuto placebo, dopo chemioterapia e terapia adiuvante a base di trastuzumab.

 

Riferimento

[1] Chan A, Delaloge S, Holmes FA, et al; per il gruppo di studio ExteNET. Neratinib dopo terapia adiuvante a base di trastuzumab in pazienti con carcinoma mammario HER2positivo (ExteNET): studio di fase 3 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Lancet Oncol. 2016;17:367-377.

[2] Food and Drug Administration degli Stati Uniti. La FDA approva un nuovo trattamento per ridurre il rischio di recidiva del cancro al seno. Comunicato stampa. 17 luglio 2017.

[3] Compresse di Nerlynx (neratinib) [informazioni sulla prescrizione]. Los Angeles, CA: Biotecnologia Puma; luglio 2017.

[4] Istituto Nazionale Tumori. Agenti mirati attivi contro il cancro al seno HER2-positivo: domande e risposte. Aggiornato il 1 giugno 2014. www.cancer.gov/types/breast/research/altto-qa. Consultato il 22 settembre 2017.

[5] Singh J, Petter RC, Baillie TA, Whitty A (aprile 2011). “La rinascita dei farmaci covalenti”. Recensioni sulla natura. Scoperta di nuovi farmaci. 10 (4): 307-17. doi:10.1038/nrd3410. PMID 21455239. S2CID 5819338.

[6] Minami Y, Shimamura T, Shah K, LaFramboise T, Glatt KA, Liniker E, et al. (luglio 2007). "I principali mutanti di ERBB2 derivati ​​dal cancro del polmone sono oncogeni e sono associati alla sensibilità all'inibitore irreversibile di EGFR/ERBB2 HKI-272". Oncogene. 26 (34): 5023-7. doi:10.1038/sj.onc.1210292. PMID 17311002.

[7] Istituto Nazionale Tumori. Trattamento del cancro al seno maschile (PDQ) – versione professionale. Aggiornato il 25 maggio 2017. www.cancer.gov/types/breast/hp/male-breast-treatment-pdq. Consultato il 22 settembre 2017.

0 Mi piace
9504 Visto

Potrebbero anche interessarti

I commenti sono chiusi.