Storie di successo di Cabozantinib sul trattamento del caner - AASraw
AASraw produce polvere di cannabidiolo (CBD) e olio essenziale di canapa alla rinfusa!

Cabozantinib

 

    1. Descrizione di Cabozantinib
    2. Meccanismo d'azione di Cabozantinib
    3. Effetti collaterali di Cabozantinib
    4. Ultimo sviluppo di Cabozantinib
    5. Storie di successo del trattamento con Cabozantinib
    6. sommario

 

Cabozantinib LEGGI QUA

Cabozantinib (CAS:849217-68-1) è usato per trattare il cancro del rene avanzato, a volte in combinazione con un altro medicinale chiamato nivolumab. Cabozantinib è anche usato per trattare il cancro al fegato in persone che sono state precedentemente trattate con sorafenib. Cabozantinib è usato per trattare il cancro alla tiroide che si è diffuso ad altre parti del corpo. Cabozantinib può essere utilizzato anche per scopi non elencati in questa guida ai farmaci.

 

Cabozantinib Meccanismo di azione

La terapia mirata è il risultato di circa 100 anni di ricerca dedicati alla comprensione delle differenze tra cellule cancerose e cellule normali. Ad oggi, il trattamento del cancro si è concentrato principalmente sull'uccisione delle cellule in rapida divisione perché una caratteristica delle cellule tumorali è che si dividono rapidamente. Sfortunatamente, anche alcune delle nostre cellule normali si dividono rapidamente, causando molteplici effetti collaterali.

La terapia mirata riguarda l'identificazione di altre caratteristiche delle cellule tumorali. Gli scienziati cercano specifiche differenze nelle cellule tumorali e nelle cellule normali. Queste informazioni vengono utilizzate per creare una terapia mirata per attaccare le cellule tumorali senza danneggiare le cellule normali, portando così a un minor numero di effetti collaterali. Ogni tipo di terapia mirata funziona in modo un po 'diverso ma tutti interferiscono con la capacità della cellula cancerosa di crescere, dividersi, riparare e / o comunicare con altre cellule.

Esistono diversi tipi di terapie mirate, definite in tre grandi categorie. Alcune terapie mirate si concentrano sui componenti interni e sulla funzione della cellula tumorale. Le terapie mirate utilizzano piccole molecole che possono entrare nella cellula e interrompere la funzione delle cellule, facendole morire. Esistono diversi tipi di terapia mirata che si concentrano sulle parti interne delle cellule. Altre terapie mirate riguardano i recettori che si trovano all'esterno della cellula. Le terapie che prendono di mira i recettori sono anche conosciute come anticorpi monoclonali. Gli inibitori di antiangiogenesi prendono di mira i vasi sanguigni che forniscono ossigeno alle cellule, causando la morte delle cellule.

Cabozantinib è una terapia mirata che prende di mira e si lega a recettori e inibitori della tirosin-chinasi l'attività di più tirosin chinasi, inclusi RET, MET e VEGF sulla superficie della cellula. Legandosi a questi recettori, cabozantinib blocca importanti vie che promuovono la divisione cellulare.

La ricerca continua a identificare quali tumori possono essere meglio trattati con terapie mirate e identificare ulteriori bersagli per più tipi di cancro.

 

Cabozantinib Effetti Collaterali

Ottenere assistenza medica di emergenza se si hanno segni di una reazione allergica: orticaria; respiro difficile; gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola.

Cabozantinib può causare una perforazione (un foro o una lacerazione) o una fistola (un passaggio anormale) nello stomaco o nell'intestino. Chiama il tuo medico se hai un forte mal di stomaco o se senti che stai soffocando e soffocando quando mangi o bevi.

Chiamate il vostro medico se si dispone di:

▪ Forte mal di testa, visione offuscata, pulsazioni al collo o alle orecchie;

▪ Vomito, diarrea o costipazione che sono gravi e in corso;

▪ Gonfiore a mani, braccia, gambe o piedi;

▪ Facile formazione di lividi o sanguinamento (sangue dal naso, gengive sanguinanti, sanguinamento mestruale abbondante o qualsiasi sanguinamento che non si fermerà);

▪ Feci sanguinolente o catramose, tosse con muco sanguinante o vomito che assomiglia a fondi di caffè;

▪ Ittero (ingiallimento della pelle o degli occhi);

▪ Dolore, vesciche, sanguinamento o grave eruzione cutanea ai palmi delle mani o alle piante dei piedi;

▪ Confusione, problemi di pensiero, debolezza, alterazioni della vista, convulsioni;

▪ Una sensazione di stordimento, come se potessi svenire;

▪ Dolore o intorpidimento alla mascella, gengive arrossate o gonfie, denti sciolti o guarigione lenta dopo il lavoro dentale;

▪ Conta bassa dei globuli bianchi: febbre, ulcere alla bocca, piaghe della pelle, mal di gola, tosse, difficoltà respiratorie;

▪ Problemi alle ghiandole surrenali: nausea, vomito, estrema stanchezza, vertigini, debolezza, svenimento; o

▪ Segni di un ictus o di un coagulo di sangue: intorpidimento o debolezza improvvisa su un lato del corpo, problemi di vista o di equilibrio, difficoltà a parlare o comprendere ciò che viene detto, dolore al petto, difficoltà a respirare, gonfiore o dolore a un braccio o una gamba .

Le dosi future di cabozantinib possono essere ritardate o interrotte definitivamente se si verificano determinati effetti collaterali.

AASraw è il produttore professionale di Cabozantinib.

Fare clic qui per informazioni sulla quotazione: Contatti noi

 

Effetti indesiderati comuni possono includere:

▪ Mal di stomaco, nausea, vomito, perdita di appetito, diarrea, costipazione;

▪ Dolore, arrossamento, gonfiore o piaghe in bocca o in gola;

▪ Difficoltà a parlare, cambiamenti nel gusto;

▪ Sintomi del raffreddore come naso chiuso, starnuti, mal di gola, tosse;

▪ eruzione cutanea;

▪ Dolore ai muscoli, alle ossa e alle articolazioni;

▪ Test di funzionalità epatica anormali o altri esami del sangue;

▪ Sensazione di stanchezza;

▪ Perdita di peso; o

▪ Il colore dei capelli diventa più chiaro.

Questa non è una lista completa degli effetti indesiderati possono verificarsi e altri. Chiamate il vostro medico per un consiglio medico circa gli effetti collaterali. Puoi segnalare gli effetti collaterali a FDA a 1-800-FDA-1088.

 

Ultimo sviluppo di Cabozantinib 

Cabozantinib ha ottenuto lo status di farmaco orfano dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel novembre 2010 e nel febbraio 2017.

Exelixis ha presentato una nuova domanda di farmaco alla FDA nella prima metà del 2012 e il 29 novembre 2012 cabozantinib nella sua formulazione in capsule ha ottenuto l'approvazione all'immissione in commercio dalla FDA statunitense con il nome Cometriq per il trattamento di pazienti con carcinoma midollare della tiroide. approvato nell'Unione Europea per lo stesso scopo nel 2014.

Nel marzo 2016 Exelix ha concesso in licenza a Ipsen i diritti mondiali (al di fuori di Stati Uniti, Canada e Giappone) per commercializzare cabozantinib.

Risultati della sperimentazione di fase III di Exelixis sui test del farmaco a livello renale cancro pubblicato nel NEJM nel 2015. Nell'aprile 2016 la FDA ha concesso l'approvazione per la commercializzazione della formulazione in compresse come trattamento di seconda linea per i reni cancro e lo stesso è stato approvato nell'Unione Europea nel settembre dello stesso anno.

Nel dicembre 2017, la FDA ha concesso l'approvazione a cabozantinib (Cabometyx, Exelixis, Inc.) per il trattamento di persone con carcinoma a cellule renali avanzato (RCC). L'approvazione si è basata sui dati di CABOSUN (NCT01835158), uno studio multicentrico di fase II randomizzato, in aperto, condotto su 157 partecipanti con RCC a rischio intermedio e scarso non trattato in precedenza.

A gennaio 2019, il Cabozantinib approvato dalla FDA (Cabometyx, Exelixis, Inc.) per le persone con carcinoma epatocellulare (HCC) che sono state precedentemente trattate con sorafenib. L'approvazione era basata su CELESTIAL (NCT01908426), uno studio multicentrico randomizzato (2: 1), in doppio cieco, controllato con placebo in partecipanti con HCC che avevano precedentemente ricevuto sorafenib e avevano una compromissione epatica Child Pugh di classe A.

Cabozantinib è in fase di ricerca per l'efficacia come trattamento per la neurofibromatosi di tipo 1.

La Food and Drug Administration (FDA) ha recentemente approvato cabozantinib per il trattamento del carcinoma epatocellulare in pazienti che avevano precedentemente ricevuto sorafenib.

Cabozantinib è un inibitore orale delle tirosin chinasi di MET, VEGFR e AXL.Le tirosin chinasi recettoriali svolgono un ruolo importante sia nella normale funzione cellulare che nei processi patologici, tra cui oncogenesi, metastasi, angiogenesi tumorale e mantenimento del microambiente tumorale.

La FDA ha approvato per la prima volta cabozantinib per il trattamento della midollare cancro alla tiroide. Successivamente, la FDA ne ha approvato l'uso nel carcinoma a cellule renali.

 

Storie di successo del trattamento con Cabozantinib 

Storia 1: Cabozantinib tratta il trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato

Il 19 dicembre 2017, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso un'approvazione regolare a cabozantinib (Cabometyx) per il trattamento di pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato (RCC).

La FDA aveva precedentemente approvato cabozantinib nel 2016 per il trattamento di pazienti con RCC avanzato che avevano ricevuto una precedente terapia antiangiogenica. L'approvazione odierna prevede il trattamento in prima linea.Cabozantinib

Questa approvazione si è basata sui dati dello studio CABOSUN, uno studio multicentrico di fase II randomizzato, in aperto, condotto su 157 pazienti con RCC a rischio intermedio e scarso precedentemente non trattato. I pazienti hanno ricevuto cabozantinib (n = 79) 60 mg per via orale al giorno o sunitinib (Sutent) (n = 78) 50 mg per via orale al giorno (4 settimane di trattamento seguite da 2 settimane di pausa) fino alla progressione della malattia o tossicità inaccettabile. La sopravvivenza libera da progressione mediana stimata (valutata dal comitato di revisione radiologica indipendente in cieco) per i pazienti che assumevano cabozantinib è stata di 8.6 mesi (intervallo di confidenza [CI] al 95% = 6.8-14.0) rispetto a 5.3 mesi (CI al 95% = 3.0-8.2) per pazienti che assumono sunitinib (hazard ratio = 0.48; 95% CI = 0.31-0.74; P = 0008).

Le reazioni avverse più comunemente riportate (≥ 25%) nel programma clinico di cabozantinib sono diarrea, affaticamento, nausea, diminuzione dell'appetito, ipertensione, eritrodisestesia palmo-plantare, perdita di peso, vomito, disgeusia e stomatite.

Le reazioni avverse di grado 3-4 (≥ 5%) più frequenti nei pazienti trattati con cabozantinib in CABOSUN sono state ipertensione, diarrea, iponatriemia, ipofosfatemia, eritrodisestesia palmo-plantare, affaticamento, aumento di ALT, diminuzione dell'appetito, stomatite, dolore, ipotensione e sincope. La dose raccomandata di cabozantinib è di 60 mg per via orale, una volta al giorno.

Cabozantinib è approvato anche per il trattamento di carcinoma midollare della tiroide ed è commercializzato con il nome commerciale Cometriq. Cometriq e Cabometyx hanno formulazioni diverse e non sono intercambiabili.

 

Storia 2: Cabozantinib Tratta il cancro della tiroide midollare

Cabozantinib (Cometriq) approvato dalla FDA per il trattamento del carcinoma midollare della tiroide metastatico (MTC) nel novembre 2012. Si basava sui risultati di uno studio internazionale, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato, che includeva 330 soggetti. I partecipanti dovevano manifestare una malattia progressiva entro 14 mesi prima dell'ingresso nello studio, il che è stato confermato tramite un comitato di revisione radiologico indipendente o il medico curante.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere cabozantinib 140 mg o placebo per via orale una volta al giorno fino a progressione della malattia o tossicità intollerabile. La randomizzazione è stata stratificata in base all'età <65 anni vs> 65 anni e all'utilizzo precedente di un inibitore della tirosin chinasi.Cabozantinib

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione (PFS), la risposta obiettiva (OR) e la durata della risposta utilizzando criteri RECIST modificati. I pazienti nel gruppo cabozantinib avevano una PFS prolungata rispetto a quelli che ricevevano placebo (P <.0001). In particolare, la PFS mediana nel braccio cabozantinib è stata di 11.2 mesi e la PFS mediana nel braccio placebo è stata di 4.0 mesi.

Solo i pazienti che assumevano cabozantinib hanno manifestato una risposta parziale (27% vs 0; P <.0001). Inoltre, la durata mediana dell'OR era di 14.7 mesi per i soggetti trattati con il farmaco. Non sono state osservate differenze significative nella sopravvivenza globale tra i bracci.

In un'analisi meta ed economica del 2019 che valuta l'utilità di cabozantinib e vandetanib nei pazienti del National Health Service inglese, Tappenden et al. Concluded.

“Gli studi identificati suggeriscono che cabozantinib e vandetanib migliorano la PFS più del placebo; tuttavia, non sono stati dimostrati vantaggi significativi per l'OS. Le analisi economiche indicano che all'interno della popolazione con marchio UE, gli ICER [rapporti incrementali di costo-efficacia] per cabozantinib e vandetanib sono> £ 138,000 per QALY (anno di vita aggiustato per la qualità) guadagnati. All'interno della ristretta popolazione di etichette UE (Unione Europea), l'ICER per vandetanib dovrebbe essere> £ 66,000 per QALY guadagnato ".

 

Storia 3: trattamento Cabozantinib Carcinoma epatocellulare

Nel gennaio 2019, la FDA ha approvato le compresse di cabozantinib per i pazienti con carcinoma epatocellulare (HCC) precedentemente trattati con sorafenib. L'approvazione si è basata sui risultati dello studio CELESTIAL.

Nello studio multicentrico randomizzato (2: 1), in doppio cieco, controllato con placebo, i pazienti sono stati randomizzati a cabozantinib 60 mg per via orale una volta al giorno (n = 470) o placebo (n = 237) fino al momento della progressione della malattia o inaccettabile tossicità.Cabozantinib

L'endpoint primario era l'OS. Sono state misurate anche la PFS e l'ORR, valutate dai ricercatori utilizzando RECIST 1.1. L'uso di cabozantinib è stato associato a una OS mediana di 10.2 mesi (IC 95%: 9.1-12.0) rispetto a 8 mesi (IC 95%: 6.8-9.4) per coloro che hanno ricevuto placebo (HR 0.76; IC 95%: 0.63, 0.92; P = .0049). La PFS mediana è stata di 5.2 mesi (4.0-5.5) nel braccio cabozantinib rispetto a 1.9 mesi (1.9-1.9) nel braccio placebo (HR 0.44; 95% CI, 0.36, 0.52; P <001). L'ORR era del 4% (95% CI, 2.3, 6.0) in quelli che assumevano cabozantinib rispetto allo 0.4% (95% CI, 0.0, 2.3) in quelli che assumevano placebo.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati più elevati nei pazienti che assumevano cabozantinib (68%) rispetto a quelli che assumevano placebo (36%).

Gli autori dello studio CELESTIAL hanno concluso con quanto segue: “Tra i pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato precedentemente trattati, il trattamento con cabozantinib ha determinato una sopravvivenza globale più lunga e una sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo. Il tasso di eventi avversi di alto grado nel gruppo cabozantinib è stato circa il doppio di quello osservato nel gruppo placebo ".

 

sommario

Cabozantinib è un inibitore della tirosin chinasi utilizzato per il trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato, del carcinoma epatocellulare e del carcinoma midollare della tiroide. Cabozantinib è stato approvato per la prima volta nel 2012 ed è un inibitore della tirosin chinasi non specifico. Inizialmente è stato approvato negli Stati Uniti con il marchio Cometriq, che è indicato per il trattamento del carcinoma midollare della tiroide metastatico.Nel 2016, una formulazione in capsule (Cabometyx) è stato approvato per il trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato e questa stessa formulazione ha ottenuto un'ulteriore approvazione sia negli Stati Uniti che in Canada nel 2019 per il trattamento del carcinoma epatocellulare in pazienti precedentemente trattati.

AASraw è il produttore professionale di Cabozantinib.

Fare clic qui per informazioni sulla quotazione: Contatti noi

 

Riferimento

[1] Choueiri TK, Escudier B, Powles T, et al. Cabozantinib versus everolimus nel carcinoma a cellule renali avanzato (METEOR): risultati finali di uno studio di fase 3 randomizzato, in aperto. Lancet Oncol. 2016; 17: 917–27.

[2] Tappenden P, Carroll C, Hamilton J, et al. Cabozantinib e vandetanib per carcinoma midollare della tiroide localmente avanzato o metastatico non resecabile: una revisione sistematica e un modello economico. Health Technol Assess. 2019; 23: 1-144.

[3] George DJ, Hessel C, Halabi S, et al. Cabozantinib rispetto a sunitinib per pazienti non trattati con carcinoma a cellule renali avanzato di rischio intermedio o scarso: analisi dei sottogruppi dello studio CABOSUN Alliance A031203. Oncologo. 2019; 24: 1–5.

[4] Kurzrock R, Sherman SI, Ball DW, Forastiere AA, Cohen RB, Mehra R, Pfister DG, Cohen EE, Janisch L, Nauling F, Hong DS, Ng CS, Ye L, Gagel RF, Frye J, Muller T, Ratain MJ , Salgia R: Attività di XL184 (Cabozantinib), un inibitore della tirosin chinasi orale, in pazienti con carcinoma midollare della tiroide. J Clin Oncol. 2011 luglio 1; 29 (19): 2660-6. doi: 10.1200 / JCO.2010.32.4145. Epub 2011, 23 maggio.

[5] Abou-Alfa GK, Meyer T, Cheng AL, et al. Cabozantinib in pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato e in progressione. N Engl J Med. 2018; 379: 54-63.

[6] Food and Drug Administration degli Stati Uniti. La FDA approva cabozantinib per il carcinoma epatocellulare. Disponibile su: https://www.fda.gov/drugs/fda-approves-cabozantinib-hepatocellular-carcinoma Accesso 28 agosto 2019.

[7] Yakes FM, Chen J, Tan J, Yamaguchi K, Shi Y, Yu P, Qian F, Chu F, Bentzien F, Cancilla B, Orf J, You A, Laird AD, Engst S, Lee L, Lesch J, Chou YC , Joly AH: Cabozantinib (XL184), un nuovo inibitore di MET e VEGFR2, sopprime simultaneamente metastasi, angiogenesi e crescita tumorale. Mol Cancer Ther. Dicembre 2011; 10 (12): 2298-308. doi: 10.1158 / 1535-7163.MCT-11-0264. Epub 2011, 16 settembre.

[8] "Il farmaco contro il cancro alla tiroide cabozantinib prolunga la PFS". Archiviata dall'originale su 2012-04-02. Estratto 24 mese di ottobre 2011.

[9] "Designazioni e approvazioni di farmaci orfani Cabozantinib". Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 29 novembre 2010. URL consultato l'11 novembre 2020.

0 Mi piace
12849 Visto

Potrebbero anche interessarti

I commenti sono chiusi.