Poiché alcune pagine sono tradotte da software e non sono abbastanza accurate, prova a controllare en Inglese visione per migliori dettagli.

anandamide

anandamide, nota anche come N-arachidonoiletanolamina o AEA, è un neurotrasmettitore acido grasso derivato dal metabolismo non ossidativo dell'acido eicosatetraenoico (acido arachidonico), un acido grasso polinsaturo ω-6 essenziale. Il nome è tratto dalla parola Sansanrita e Pāli ananda, che significa "gioia, felicità, gioia" e ammide. Viene sintetizzata da N-arachidonoil fosfatidiletanolammina attraverso molteplici vie. Viene degradata principalmente dall'enzima acido grasso ammide idrolasi (FAAH) , che converte l'anandamide in etanolammina e acido arachidonico. Come tali, gli inibitori della FAAH portano a livelli elevati di anandamide e vengono perseguiti per uso terapeutico.

Descrizione del prodotto

 

Video Anandamide

 

 


 

I.Anandamidepersonaggi di base:

 

Nome e Cognome: anandamide
CAS: 94421-68-8
Formula molecolare: C
Peso molecolare: 347.6
Punto di fusione:
Temp. Di memorizzazione: -80 ° C
Colore: Olio incolore

 


 

II. Ciclo anandamide

 

1. nomi:

Nomi chimici: nomi chimici: anandamide; Arachidonylethanolamide; Arachidonoil etanolammide; 94421-68-8; Anandamide (20.4, n-6); N-arachidonoil etanolamina

 

2. Uso anandamide:

Negli esseri umani, l'anandamide è biosintesi da N-arachidonoyl phosphatidylethanolamine (NAPE). A sua volta NAPE nasce dal trasferimento di acido arachidonico dalla lecitina all'ammina libera di cefalina attraverso un enzima N-aciltransferasi. La sintesi dell'anandamide da NAPE si verifica attraverso più vie e include enzimi come fosfolipasi A2, fosfolipasi C e NAPE-PLD.
La struttura cristallina di NAPE-PLD in complesso con fosfatidiletanolammina e desossicolato mostra come l'anandamide cannabinoide è generata dalle N-acilfosfatidiletanolammine (NAPE) della membrana e rivela che gli acidi biliari, che sono principalmente coinvolti nell'adsorbimento dei lipidi nell'intestino tenue, modulano la sua biogenesi. L'anandamide eterogenea è presente a livelli molto bassi e ha una vita media molto breve a causa dell'azione dell'enzima acido grasso ammide idrolasi (FAAH), che lo scinde in acido arachidonico libero ed etanolamina. Gli studi sui suinetti mostrano che i livelli dietetici dell'acido arachidonico e di altri acidi grassi essenziali influenzano i livelli di anandamide e di altri endocannabinoidi nel cervello. L'alimentazione ricca di grassi nei topi aumenta i livelli di anandamide nel fegato e aumenta la lipogenesi. Ciò suggerisce che l'anandamide possa giocare un ruolo nello sviluppo dell'obesità, almeno nei roditori.
Il paracetamolo (o acetaminofene negli Stati Uniti e in Canada) è metabolicamente combinato con acido arachidonico da FAAH per formare AM404. Questo metabolita del paracetamolo è un potente agonista del recettore vanilloide TRPV1, un agonista debole sia per i recettori CB1 e CB2, sia un inibitore di reuptake di anandamide. Di conseguenza, i livelli di anandamide nel corpo e nel cervello sono elevati. In questo modo, il paracetamolo agisce come un pro-farmaco per un metabolita cannabimimetico. Questa azione può essere parzialmente o totalmente responsabile degli effetti analgesici del paracetamolo. I trasportatori di edocannabinoidi per anandamide e 2-arachidonoylglycerol includono le proteine ​​dello shock termico (Hsp70s) e le proteine ​​leganti gli acidi grassi (FABP).

3. Qual è il dosaggio di Anandamide?

Solubile in etanolo (ad es. A una concentrazione di 50 mg / ml). È anche solubile in DMSO e dimetilformammide.

 

4.Come funziona Anandamide?

Le cellule nervose comunicano rilasciando speciali molecole "chiave" che vengono intercettate da altre cellule nervose a valle. Esistono molti tipi diversi di chiavi molecolari, ciascuna con una propria forma distintiva. Le superfici delle cellule nervose bersaglio sono costellate di recettori, che sono come serrature per adattarsi ai tasti. Quando la chiave si inserisce nel recettore, la superficie della cellula nervosa cambia in qualche modo. Ad esempio, quando la molecola chiave a destra si blocca nel recettore sulla superficie di una cellula nervosa, apre una porta nella membrana che consente agli ioni di cloruro di inondare la cellula. Questo equalizza le cariche all'interno e all'esterno della cella e impedisce alla cellula di sparare.
Le chiavi devono essere rimosse dalla serratura in qualche modo, o la cellula nervosa verrà impedita in modo permanente di sparare. Determinati enzimi che rimuovono (distruggendo e distruggendo) i tasti dopo un certo periodo di tempo, in modo che il neurocentro possa tornare al lavoro.
I farmaci che hanno un potente effetto sul sistema nervoso centrale spesso imitano le chiavi molecolari naturali. Ad esempio, la morfina è un potente antidolorifico che è stato trovato in un "recettore oppiaceo" presente sulle cellule nervose.
Gli scienziati hanno argomentato che poiché la morfina non è naturalmente presente nel corpo, ci deve essere una molecola chiave naturale con una forma molto simile che attiva questo recettore. Le chiavi naturali risultarono essere molecole chiamate encefaline. Sebbene la morfina sia solo un falso delle encefaline, è molto più potente (e più avvincente) delle encefaline perché gli enzimi che rimuovono le chiavi non riescono a estrarlo dai recettori. Col tempo furono introdotte le contraffazioni meno avvincenti (codiene e demerol).
Hanno iniziato a cercare i siti dei recettori per spiegare l'azione di altri farmaci e tossine in un modo simile. In 1988 sono stati scoperti recettori specifici per il THC (tetraidrocannibolo, il principio attivo della marijuana).
Il THC non si trova naturalmente nel corpo. L'esistenza di uno specifico "recettore della beatitudine" per THC implicava che in realtà era solo una falsificazione di una chiave molecolare naturale finora sconosciuta. La chiave è stata isolata dallo scienziato israeliano Raphael Mechoulam in 1992: arachidonil etanolamide, in seguito chiamato "anandamide":
La lunga coda di idrocarburo di Anandamide lo rende liposolubile e gli permette di scivolare facilmente attraverso la cortina ricca di idrocarburi che isola il cervello dal flusso sanguigno. La sua forma tridimensionale assomiglia molto a quella del THC. Ma a differenza del THC, l'anandamide è fragile. Si rompe molto rapidamente nel corpo. Questo spiega perché l'anandamide non produce un "massimo" naturale perpetuo.
L'anandamide è anche importante per l'impianto dell'embrione nella fase iniziale nella sua forma di blastocisti nell'utero. Pertanto, i cannabinoidi come Δ9-THC potrebbero influenzare i processi durante le prime fasi della gravidanza umana. L'anandamide plasmatica di picco si presenta all'ovulazione e si correla positivamente con i livelli di picco estradiolo e gonadotropina, suggerendo che questi possono essere coinvolti nella regolazione dei livelli di AEA (anandamide). Successivamente, l'anandamide è stato proposto come biomarcatore di infertilità, ma finora manca di qualsiasi valore predittivo per poter essere usato clinicamente.
L'anandamide gioca un ruolo nella regolazione del comportamento alimentare e nella generazione neurale della motivazione e del piacere. Inoltre, l'anandamide iniettato direttamente nel nucleo del cervello, la struttura cerebrale del cervello, migliora le risposte piacevoli dei ratti a un gusto saccarosio gratificante e migliora anche l'assunzione di cibo. Inoltre, gli effetti benefici acuti dell'esercizio (definito come alta corridore) sembrano essere mediati da anandamide nei topi. L'anandamide è il precursore di una classe di sostanze fisiologicamente attive, le prostamidi. L'anandamide inibisce la proliferazione delle cellule del cancro al seno umano. due sostanze che potrebbero imitare gli effetti di anandamide, N-oleoylethanolamine e N-linoleoylethanolamine. Inoltre, anandamide e altri endocannabinoidi si trovano nell'organismo di themodel Drosophila melanogaster (moscerino della frutta). Sebbene nessun recettore CB sia stato trovato in alcuno degli insetti.

 

5.Warning:

Le più alte concentrazioni di anandamide nel corpo non erano nel cervello, ma nell'utero poco prima dell'impianto degli embrioni (almeno, negli studi sugli animali condotti con sofar). La concentrazione di anandamide cambia man mano che l'utero diventa più ricettivo all'impianto dell'embrione. I ricercatori sono stati in grado di individuare un bersaglio preciso per il segnale anandamide dell'utero: gli embrioni di topo contengono più recettori anandamidici di qualsiasi tessuto conosciuto, incluso il cervello. Se il THC può bloccarsi nei recettori dell'anandamide, c'è la possibilità che interferisca con il segnale tra theuterus e l'embrione. Il consumo regolare di qualsiasi sostanza durante la gravidanza (che si tratti di marijuana, caffè o anche un particolare alimento) ha un effetto su un feto in via di sviluppo. L'uso di marijuana prenatale non ha alcun effetto sulla crescita fetale, sulla crescita a lungo termine, sulle anormalità fetali, sull'astinenza da sostanze post-parto, sulle abilità linguistiche a lungo termine. Si ritiene che la marijuana prenatale abbia un effetto sul Neurocomportamento, sul comportamento a lungo termine e sulla cognizione a lungo termine. In ogni caso bisogna stare attenti e potrebbe essere meglio evitarlo durante un periodo così cruciale di sviluppo per il bambino.

 

6.Anandamide Raw Powder:

Ordine 10grams minimo.
L'inchiesta sulla quantità normale (entro 1kg) può essere inviata in 12 ore dopo il pagamento.
Per ordini di grandi dimensioni può essere inviato in 3 giorni lavorativi dopo il pagamento.

 

7.Anandamide Raw Powder Recipes:

Per richiedere il nostro rappresentante del cliente (CSR) per i dettagli, per il vostro riferimento.

 

8.Anandamide Marketing:

Da fornire nel prossimo futuro.

 

9.Anandamide ha qualche effetto collaterale?

Gli effetti dell'anandamide possono verificarsi nel sistema nervoso centrale o periferico. Questi effetti distinti sono mediati principalmente dai recettori cannabinoidi CB1 nel sistema nervoso centrale e dai recettori cannabinoidi CB2 nella periferia [6] Questi ultimi sono principalmente coinvolti nelle funzioni del sistema immunitario. I recettori dei cannabinoidi sono stati inizialmente scoperti come sensibili al Δ9-tetraidrocannabinolo (Δ9-THC, comunemente chiamato THC), che è il principale cannabinoide psicoattivo presente nella cannabis. La scoperta di anandamide derivava dalla ricerca su CB1 e CB2, poiché era inevitabile che una sostanza chimica (endogena) presente in natura potesse interessare questi recettori. L'anandamide ha anche un effetto su entrambi i recettori CB1 e CB2; con i recettori CB1 più colpiti nel sistema nervoso centrale e i recettori CB2 più colpiti nella periferia. L'anandamide ha dimostrato di alterare la memoria di lavoro nei ratti.

 


 

III. Anandamide HNMR

 

Siamo a polvere aprepitant, polvere aprepitant in vendita, polvere Raw aprepitant (170729-80-3) hplc≥98% | Reagenti R & S di AASraw

 


 

IV. Come acquistare Anandamide da AASraw?

 

1. Per contattarci tramite la nostra e-mailsistema di richiesta o skype onlinerappresentante del servizio clienti (CSR).
2. Per fornirci la quantità e l'indirizzo richiesti.
3. La nostra CSR ti fornirà la quotazione, il termine di pagamento, il numero di tracciamento, i modi di consegna e la data di arrivo stimata (ETA).
4.Pagamento effettuato e la merce verrà spedita in ore 12 (per ordini entro 10kg).
5.Goods ha ricevuto e commentato.

 


 

Indovina il tuo blog di prodotti preferiti:

 

 Viagra femminile? Tutto sulla polvere Flibanserin Sex Enhancing Come usare il clenbuterolo per perdere peso Qual è la polvere di nandrolone usata per i benefici di / nandrolone?

 


 

Maggiori dettagli sui prodotti rilevanti,benvenuto per fare clic qui.


=

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Sii il primo a recensire "Anandamide"

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *